In Gravidanza

gravidanza

Durante la gravidanza

Il corpo cambia velocemente in questi mesi e i tessuti si devono adattare a nuove posizioni e dimensioni. La muscolatura dell’addome diventa la culla del bambino e una pancia morbida è un requisito importante! Mantenere fluidi i tessuti è utile per il benessere del corpo e il suo graduale adattamento alla trasformazione, soprattutto ha importanza per il diaframma respiratorio e le strutture delle pelvi.
Tutti gli elementi che costituiscono il bacino materno hanno bisogno di essere mobili per poter effettuare la dilatazione necessaria al passaggio del bimbo. La presenza di tensioni lombari limita la mobilità dell’osso sacro, mentre l’equilibrio della muscolatura e la mobilità articolare del bacino sono indispensabili per una corretta posizione del bimbo durante la gravidanza e il parto. L’obiettivo è inoltre quello di limitare alla mamma il fastidioso dolore alla schiena tipico degli ultimi mesi di gravidanza.
L’esperienza della quiete che deriva dal contatto Craniosacrale è meravigliosa sia per la mamma che per il bimbo.

 

Impronta emozionale del neonato

Il modo in cui nasciamo lascia un’impronta profonda in noi stessi. Un alberello che cresce sotto un vento che soffia prevalentemente in una direzione, crescerà inclinandosi in quella direzione. Lo stesso accade al neonato. L’esperienza della gravidanza e del parto lo forma, e tutta la sua struttura crescerà attorno a quella prima impronta.
Durante la gravidanza le emozioni che prova la madre sono molto importanti e determinanti per il bimbo. Ogni bimbo ha il suo temperamento, già alla nascita è evidente, e reagirà a modo suo rispetto alle emozioni vissute nella vita intrauterina, ma una cosa di cui possiamo essere certi è che non ne sarà indifferente.

Un’emozione intensa della madre, come può esserlo un trauma, si trasmette al bimbo e si imprime nella sua memoria corporea. Ancor più nel caso di emozioni protratte nei mesi (come la tristezza o l’ansietà per una madre che si trovi in una situazione difficile). Creando così delle impronte attorno a cui si svilupperà il sistema del bimbo.
Però questa impronta avviene anche in positivo: la serenità, la quiete, la gioia della madre si inscrivono nel bimbo.
Così le sessioni di Biodinamica Craniosacrale diventano un importante strumento per sciogliere eventuali traumi (durante la gravidanza si sciolgono anche nel bimbo, attraverso il corpo della mamma) e per generare un’impronta emozionale positiva.

 

Vuoi approfondire con un percorso individuale? Ti propongo Dialoghi nel pancione, è quello che fa per te.

Il momento del parto e il neonato

Il parto è un momento di fondamentale importanza nella vita di una donna e del suo bambino. Anche in un parto naturale, con un travaglio normale, ci possono essere piccoli traumi per il bimbo. Per le forti contrazioni uterine e la difficoltà di passaggio nel canale del parto la testa è potenzialmente oggetto di compressioni di lieve entità, o anche più importanti. Queste possono creare tensioni e alterazioni a livello del cranio, della colonna vertebrale e del sacro.

Il sistema del bimbo è incredibilmente potente e forte, ma molte delle alterazioni non riescono ad essere riassorbite e possono permanere fino in età adulta. Se poi c’è stato un travaglio difficile o un aiuto con la miniventosa o un taglio cesareo è più facile che non abbia la forza sufficiente per autoregolarsi.

La Biodinamica Craniosacrale aiuta il piccolo a riarmonizzarsi, anche in caso di disturbi del sonno, irritabilità e colichette, perché questi  dipendono in gran parte dalla compressione delle ossa del cranio e dei nervi che vi fuoriescono.

Per la mamma le sessioni sono invece utili per aiutare il corpo al ritorno alla normalità, per recuperare le energie psico-fisiche, per l’ammorbidimento delle cicatrici nell’eventualità di un taglio cesareo.
In caso di ansia o depressione post-partum aiutano il recupero delle energie per sostenere l’impatto con la nuova dimensione della propria vita. Questo influenza positivamente anche il bimbo che è ancora energeticamente collegato alla mamma e ne assorbe lo stato emotivo.

 

Per la zona di Verona: nel primo mese dopo il parto l’intimità tra mamma e bimbo è da accudire in modo particolare, per questo motivo do disponibilità per un primo trattamento a domicilio.